news‎ > ‎

Sara Pittia

Sono passati 13 anni da quando, per la prima volta, sono entrata nella scuola di Erica e, da quel giorno, la danza è diventata qualcosa di irrinunciabile per me.
Ricordo ancora il primo giorno di lezione e tutte le emozioni della mia prima esperienza sul palco: molto concentrata, guardavo dritto davanti a me e, nonostante stessi attenta a non sbagliare nessun passo, percepivo in me sicurezza e felicità.
Il mio percorso è stato impegnativo come dev’essere: ho avuto momenti di sconforto perché la danza è precisione, bellezza e controllo che, solo con tanto impegno, si possono raggiungere. Gli sforzi e la fatica vanno infatti accettati in ogni istante perché ogni difficoltà è volta ad un miglioramento che poi lascia spazio a grandi soddisfazioni.
Cos’è la danza per me? Una certezza; l’ho vissuta e la vivo nella consapevolezza che lei sola mi può far dimenticare ciò che di più negativo una giornata può portare. Solo danzando riesco ad esprimere veramente chi sono e l’obiettivo che mi sono sempre prefissata è stato quello di coinvolgere chi mi sta accanto e di trasmettere, attraverso la danza, le tante emozioni che vivo durante una mia esibizione.
Ho ancora tanto da imparare, ne sono consapevole … ma quella che mi è stata concessa è una grande opportunità, che mi porterà verso una nuova strada all’estero, che ho scelto di seguire, perché la danza è “dentro di me”. Studierò da settembre alla NorthernBallet School di Manchester (UK).
Mi mancheranno i miei compagni, il ridere e lo scherzare con loro, mi mancherà la mia insegnante Erica che per tanti anni con determinazione mi ha sostenuta, mi mancherà l’odore della scuola e la sensazione che provo ogni volta in cui ci entro, mi mancherà la sintonia di gruppo che c’è sempre stata in quella stanza.
Sono certa che, al di là di ciò che sarà, una parte del mio cuore rimarrà nella mia città, dove tutto è iniziato.